GIUGNO 2022 – Ai Daimler Buses eMobility Days 2022, giornalisti e operatori di aziende di autolinee di tutta Europa hanno ricevuto informazioni aggiornate sui temi della tecnologia di propulsione e sull’eService.
Per una settimana, al Centro Mercedes-Benz di Mannheim più di 400 giornalisti, operatori di autolinee e collaboratori di aziende di trasporto provenienti da 20 Paesi europei, hanno assistito alla presentazione degli ultimi prodotti e soluzioni e condiviso interessanti prospettive sul futuro dell’elettrificazione degli autobus. L’evento poteva essere seguito anche su una piattaforma digitale.

All’evento era presente anche Franco Viola, direttore generale di SVT, Vicenza, che in occasione dell’intervista della rivista Mercedes Omibus, ha reagito positivamente all’annuncio secondo cui a partire dalla fine del 2022 l’eCitaro sarà dotato di nuove batterie NMC3. “Considerando i tragitti percorsi ogni giorno dai nostri autobus di 300 chilometri e oltre, l’autonomia delle batterie svolge per noi un ruolo chiave” spiega il direttore dell’azienda pubblica italiana.

eMobility Days 2022 Viola

L’opinione di altri clienti europei
Sempre a proposito delle nuove batterie NMC3, Karl Orton, direttore tecnico dell’operatore svedese di autolinee Keolis, accoglie con favore la nuova tecnologia: “Per noi in Svezia, l’autonomia è un fattore decisivo. Sono molto contento che, con le batterie di nuova generazione, una maggiore capacità e minore grandezze delle batterie modulabili, Daimler Buses sia ora in grado di offrire una soluzione adatta per tutte le esigenze della clientela”.

Rok Vihar, responsabile del trasporto pubblico della capitale slovena Lubiana è entusiasta: Fa bene ritrovarsi dopo tanto tempo con altri operatori di autolinee per uno scambio di vedute. A Mannheim, intende conoscere direttamente quale è la strategia di Daimler Buses della mobilità elettrica. Il direttore di Daimler Buses Till Oberwörder ha presentato, infatti, una chiara strategia sulla elettrificazione. In Europa e in America Latina entro il 2030 intendiamo offrire motori a emissioni zero per ciascuno dei nostri segmenti, quindi autobus urbani, interurbani e da turismo. Entro il 2030, offriremo nuovi veicoli a emissioni zero nel segmento degli autobus urbani in Europa e non investiremo più nella tecnologia Euro VII – ha affermato Oberwörder – Stiamo concentrando i nostri sforzi di sviluppo interamente sull’eCitaro a emissioni zero e completamente elettrico”.
Sviluppi ambiziosi, nuove batterie… ma le novità non sono finite qui: nei tre workshop, i cosiddetti “Deep Dives”, i partecipanti hanno potuto conoscere a fondo altre innovazioni e nuovi servizi riguardanti gli autobus elettrici Mercedes-Benz. Come ad esempio il nuovo eCitaro Range Extender, che nel 2023 festeggerà la sua première. Si tratta di una cella a combustibile alimentata a idrogeno con una potenza di 60 kW che fornisce all’occorrenza energia elettrica per la ricarica delle batterie di trazione. In questo modo l’autonomia di un autobus eCitaro raggiunge i 400 chilometri, che diventano 350 nei modelli autosnodati. Un concept molto interessante per i lunghi tragitti, soprattutto per gli autobus articolati. Anche se l’alimentazione a idrogeno per molte aziende di trasporti solleva di certo ancora questioni – sostiene Rok Vihar. – Da noi a Lubiana la città pianificherà senz’altro la costruzione di una stazione di rifornimento a idrogeno. In tal caso, ritengo che l’eCitaro azionato a batteria e dotato di celle a combustione Range Extender sia un’ottima soluzione. Persino migliore del mero azionamento a idrogeno, dal momento che l’idrogeno “green” è ancora molto caro.

Nel secondo workshop, con il titolo “eMobility Systems” Daimler Buses ha approfondito le “soluzioni chiavi in mano” che comprendono tutti i servizi di consulenza e costruzione per le flotte elettriche – studio di fattibilità, layout di sistema, dimensionamento dell’infrastruttura di ricarica, pianificazione, installazione e realizzazione completa del sistema. E il tutto fornito da un unico interlocutore. Per quel che riguarda pianificazione e infrastruttura siamo molto avanti – spiega Wolfgang Stöttinger, responsabile Nuove tecnologie di Sabtours, Wels Austria L’ingresso nel mondo della mobilità elettrica richiede un know-how in settori molti diversi, con cui le aziende di autolinee hanno finora raramente avuto a che fare. A questo punto è utile avere dei partner che apportino questo know-how – aggiunge Stöttinger – Sono convinto che molti operatori di autolinee che entrano ex novo nel mondo della mobilità elettrica manifestino un grande interesse per simili soluzioni chiavi in mano.

I servizi digitali per autobus elettrici sono stati al centro del terzo workshop. I clienti eCitaro possono sfruttare i servizi digitali di OMNIplus ON in tre livelli: dalla diagnosi remota e dal rilevamento dei dati di esercizio, passando per il collegamento al proprio sistema di gestione della flotta fino all’integrazione di applicazioni partner, ad esempio per la gestione della ricarica o del deposito. Nella mobilità elettrica cresce il bisogno di dati sul veicolo e l’annunciata interfaccia dati virtuale ITxPT ha incontrato grande interesse fra gli operatori TPL. In questo modo è possibile collegare in rete anche flotte miste di marchi diversi. Il sistema aperto dello standard UITP rende indipendenti dai fornitori terzi e risparmia investimenti in software e hardware – afferma un visitatore specializzato nel campo.

eMobility Days 2022

Leggi anche l’articolo sul sito Mercedes-Benz

Qui è possibile vedere il video degli eMobility Days

 
Clicca per votare questo post!
[Total: 0 Average: 0]