GIUGNO 2021 – Nell’anno in cui Setra festeggia il suo 70esimo compleanno, OMNIplus e EvoBus Italia il loro quarto di secolo, ci è sembrato bello dare visibilità ad un’istituzione culturale nata per valorizzare gli autobus del passato e mantenere viva la memoria storica del settore in Italia.
Anche noi di EvoBus siamo felici di aver contribuito al patrimonio di questo museo, favorendo la cessione di autobus storici al museo da parte di aziende pubbliche che rinnovavano le loro flotte con i nostri autobus urbani, come è avvenuto per AMC Azienda Multiservizi Casalese.

E’ con piacere che vi presentiamo STORICBUS, il Museo dell’Autobus Italiano.
Si tratta di un museo “dinamico”, nato nel 2010 dall’idea di alcuni appassionati di trasporto pubblico liguri, che offre una ricca collezione di autobus italiani di interesse storico e collezionistico e mezzi privati messi a disposizione dai soci possessori aderenti. Lo scopo è preservare gli autobus di interesse storico che per decenni sono stati i protagonisti del trasporto pubblico italiano e di mantenerne vivo il ricordo tra le persone.
La sede legale del museo è a La Spezia, ma una collezione così vasta richiede molti spazi dislocati in diverse sedi: sede centrale, sede operativa e semplici rimesse dove i mezzi possono stare al coperto per una migliore conservazione.
L’Associazione – organizzazione senza scopo di lucro – acquista, conserva e restaura gli autobus storici italiani, iscrivendoli al registro storico A.SI. (Automotoclub Storico Italiano), ricollaudandoli presso la MC.TC e rendendoli “veicoli di interesse storico e collezionistico”. Questi mezzi possono così tornare in circolazione sulla pubblica strada e mostrarsi quali veri e propri cimeli preziosi alla popolazione, diventando, di fatto, una vera e propria mostra dinamica di archeologia e sviluppo industriale italiani dalla seconda metà del ‘900 ad oggi. L’associazione organizza, inoltre, raduni e manifestazioni, collabora con Aziende ed Enti locali e nazionali e con Associazioni no-profit.

La storia
A partire dal 2010  i primi soci di STORICBUS decisero insieme di censire il maggior numero possibile di vecchi autobus anni ’60, ’70 ed ’80, di ogni tipologia di allestimento, rimasti in circolazione presso qualsiasi ditta privata, azienda pubblica o scuola guida operanti in italia, con l’intento di selezionare i migliori esemplari e tentare di acquistarli per creare una significativa collezione: arrivarono così i primi autobus storici, alcuni pagati con le donazioni volontarie dei soci stessi, alcuni acquisiti a cifra simbolica con le disponibilità finanziarie dell’Associazione ed altri donati da alcune Aziende o da appassionati che avevano molto a cuore alcuni veicoli ai quali erano legati affettivamente, magari proprio perché ci avevano vissuto a bordo trent’anni della loro vita.
Oggi il museo conta più di venti unità preservate, di ogni età (dagli anni ’60 agli anni ’90) e di ogni tipologia di allestimento: autobus urbani, suburbani, interurbani e Gran Turismo.
Oltre alla dedizione nel recupero, restauro e conservazione dei veicoli di trasporto pubblico, STORICBUS organizza raduni di veicoli storici e sfilate, STORICBUSdays, dedicati alla prova su strada di vari veicoli storici ed alla promozione del territorio, gite sociali e progetti scolastici, raccolta e conservazione di archivi storici e modellini.

Per saperne di più, visita il sito internet di STORICBUS.

Storicbus
 
Clicca per votare questo post!
[Total: 1 Average: 4]