APRILE 2022- Esclusivo il marchio, pubblico il servizio.
I primi 10 erano stati presentati alla cittadinanza e alla stampa a febbraio 2022, continuano le consegne dei nuovi autobus Mercedes-Benz per Autolinee Toscane SPA.

L’11 aprile, infatti, in piazza Aranci a Massa l’azienda ha dato il benvenuto a 7 nuovi bus urbani destinati ad entrare in servizio a Massa e a Carrara.
Si tratta di autobus Conecto Mercedes-Benz, dalla livrea bianca, con in grafica il logo e il claim di Autolinee Toscane “Siamo in movimento”, si conformano all’estetica stabilita per tutti gli autobus urbani della regione. Lunghi 12 metri e possono trasportare fino 108 passeggeri, con 26 posti a sedere, realizzati in materiale plastico, antivandalo. Dispongono di un pianale accessibile al trasporto per i disabili, con spazio per la carrozzella.

Bus più puliti fuori …
Tutti i nuovi bus sono motorizzati Euro 6, la categoria più bassa in termini di emissioni. Infatti, la tecnologia diesel BlueTec® Mercedes-Benz, al tempo stesso, assicura non soltanto una potenza elevata a fronte di bassi consumi, ma anche minori emissioni di sostanze nocive e particolato. I severi requisiti della nuova normativa antinquinamento sono rispettati grazie alla combinazione tra iniezione common rail, ricircolo dei gas di scarico secondo necessità, catalizzatore ossidante a valle, filtro antiparticolato e tecnologia SCR con iniezione di AdBlue per il trattamento delle emissioni. Il risultato, rispetto ai motori Euro V, è un’emissione di ossidi di azoto e particolato ridotta di un ulteriore 80 e 66%.    

… e più puliti anche dentro
Particolare attenzione è riservata anche alla salubrità interna al mezzo attraverso un sistema di ricambio d’aria permanente. Infatti, alla base dell’impianto di condizionamento degli autobus Mercedes-Benz ci sono condizionatori a tetto con una quantità di aria pulita particolarmente elevata ed efficaci sistemi filtranti. In presenza di temperature moderate, la percentuale arriva addirittura fino all’80%. L’aria viene ricambiata completamente ogni 2-4 minuti. In confronto, il volume d’aria spostato all’ora corrisponde a quello di 35 case monofamiliari. In questo modo all’interno degli autobus il passeggero dispone di una quantità di aria pulita nettamente superiore rispetto a quanto avviene per esempio negli aerei. Tecnica di filtraggio altamente efficiente. In questi nuovi bus di AT il sistema è concepito in modo tale da generare, per effetto dello sfiato sopra il vano piedi, un delicato flusso d’aria verticale che impedisce efficacemente i vortici d’aria. I filtri altamente efficienti della cosiddetta categoria G3 estraggono dall’aria particelle potenzialmente virali e granuli di polvere dell’ordine di grandezza di minimo 0,5 micrometri, creando così un’atmosfera sana di benessere a bordo.
I nuovi bus sono stati ovviamente allestiti seguendo le direttive in vigore in materia anti-Covid, avendo informazioni a bordo, indicazioni su salita e discesa, e dispenser con gel igienizzante. 

Alla presentazione dell’11 aprile sono intervenuti Jean-Luc Laugaa e Gianni Bechelli, amministratore delegato e presidente di Autolinee Toscane, Massimiliano Pellegrini, direttore del Dipartimento Nord, e Giancarlo Pianini, capo movimento AT di Massa Carrara, insieme a numerosi rappresentanti delle istituzioni cittadine e regionali. Per EvoBus Italia erano presenti: Stefano Giordani, CEO, Michele Maldini, direttore commerciale clienti pubblici, Paride Bonvini, direttore customer service & parts.

I nuovi autobus hanno uniformità di colore e livrea. Bianchi quelli per i servizi urbani, azzurri invece quelli adibiti alle tratte extraurbane. In questa maniera viene rappresentata, anche visivamente la novità di un nuovo soggetto unitario che gestisce il trasporto pubblico su gomma in tutta la regione – spiega l’AD di Autolinee Toscane Jean-Luc Laugaa e che, come da mission indicata dalle istituzioni regionali e locali, ha il compito di portare un servizio pubblico essenziale in tutta la Toscana e non solo nei centri più appetibili dal punto di vista commerciale. Stiamo costruendo una vera azienda regionale del trasporto pubblico attraverso investimenti rilevanti sui mezzi, sulle risorse umane e sull’innovazione tecnologica. Entro il 2023 avremo ad esempio acquistato oltre 200 bus nuovi e assunto oltre 300 persone, non credo che siano molte le aziende private che in Toscana stanno facendo investimenti di questa portata in questo momento non semplice. Investimenti che abbiamo anticipato nonostante le difficoltà derivanti dalla contingenza particolarmente negativa: prima la pandemia che ha ridotto notevolmente gli incassi facendo calare i viaggiatori e ora l’aumento straordinario del prezzo dell’energia e dei carburanti”.

“Questi sono i nuovi primi bus in arrivo a Massa e Carrara – commenta il Presidente di Autolinee Toscane Gianni Bechelli e altri sono già arrivati e stanno arrivando anche nelle altre città toscane. Sono il segnale tangibile del cambiamento che, passo dopo passo, realizzeremo nel trasporto pubblico su gomma della Toscana costruendo una vera azienda unitaria regionale. Proprio per questa ragione abbiamo voluto anticipare, in questi primi mesi della nostra gestione, una quota rilevante degli investimenti che erano previsti per il futuro al fine di rinnovare una flotta di bus che oramai sta sentendo troppo il peso dei propri anni. Basti pensare che in Toscana la media di anzianità dei bus è di 12 anni, mentre la media nella UE è di 7 anni. Proprio per portare la media di età dei bus toscani a livelli europei abbiamo investito circa 40 milioni di euro per avere sulle strade della Toscana, entro l’inizio del 2023, 200 nuovi mezzi”. 

L’arrivo di questi nuovi bus è solo il primo passo di Autolinee Toscane verso il miglioramento del servizio. Anche questi nuovi 7 bus fanno parte, infatti, degli oltre 200 bus che verranno acquistati direttamente da parte di Autolinee Toscane, con un investimento proprio di circa 40 milioni di euro, e messi via via in servizio tra il 2022 e l’inizio del 2023. A questi si aggiungeranno altri nuovi mezzi che AT acquisterà per conto di Regione ed enti locali tramite i contributi derivanti dai fondi del Piano Nazionale Strategico della Mobilità Sostenibile e del PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza).

Autolinee Toscane S.p.A.ha sede legale a Borgo San Lorenzo (FI), controllata al 100% da RATP Dev Italia, società del Gruppo RATP, uno dei principali operatori di trasporto al mondo.
Con i suoi cinque mila dipendenti gestisce tutto il trasporto pubblico locale della regione Toscana.
Nel 2007 Ratp Dev ha acquisito Florentiabus, da subito rinominata Autolinee Toscane, per la gestione del servizio di TPL di Mugello, Valdisieve, Valdarno, arrivando fino a Firenze. Sempre dal 2007 ha una partecipazione in Li-nea, azienda del tpl fiorentino per le località limitrofe. Dal 2002 ha una partecipazione anche in LFI, che cura il servizio ferroviario che collega Arezzo con Stia e Sinalunga. Dal 2010 gestisce, attraverso GEST, il servizio della tramvia di Firenze.

Per saperne di più, naviga il sito dell’azienda.
Leggi sul sito Autolinee Toscane l’articolo relativo a questa consegna
 
Clicca per votare questo post!
[Total: 0 Average: 0]