Il viaggio EvoBus sulla strada della sostenibilità.
Viaggiare in autobus è di per sé una scelta ecologica.
Il bus è l’asso di briscola della mobilità sostenibile: unisce i vantaggi del trasporto collettivo con un impatto ambientale sempre più contenuto e riduce la congestione stradale perché può sostituire 30 vetture, occupando su strada lo spazio di tre. Un passeggero che si sposta in autobus, lasciando l’automobile in garage, risparmia C02 e l’ambiente ringrazia.

Questo è il racconto di un “viaggio ecologico” che deve moltissimo alle evoluzioni degli ultimi decenni: gli autobus di oggi rispetto ai modelli del passato sono incredibilmente “virtuosi” per consumi, emissioni e inquinamento acustico. Dal 1990 ad oggi, le emissioni prodotte dagli autobus si sono ridotte del 98% grazie all’impegno verso la sostenibilità di tutto il settore.
Ed è storia recente.

Scarichi più “puliti”: non solo una questione di marmitta.
Oggi è in vigore la normativa Euro VI e l’ambiente è una priorità condivisa, ma fino al 1995 non esistevano disposizioni anti-inquinamento. Questi ultimi vent’anni hanno visto crescere la sensibilità intorno a questi temi e segnato un’evoluzione rapida verso la sostenibilità del trasporto su gomma. Un impegno che EvoBus ha preso molto sul serio, investendo in ricerca tecnologica e ottimizzando i propri mezzi sempre in ottica di sistema; anche quando per rispondere alle normative sarebbe bastato semplicemente modificare la marmitta, Mercedes ha scelto di agire su motore, gestione del motore e trattamento dei gas di scarico.
Il must: anticipare ampiamente gli obblighi di legge e ridurre consumi e impatto.

La logica stessa dei motori diesel Mercedes-Benz è stata rivoluzionata.
Siamo passati dal motore EDC (elettronica e meccanica) con cui erano equipaggiati i veicoli pre-euro, al motore PLD ai tempi di Euro III, fino a introdurre una logica completamente nuova a partire dal 2012 con i motori Common Rail per anticipare gli standard Euro VI.
Contemporaneamente si è evoluta la marmitta, che ha assunto funzioni sempre più attive: da semplice “silenziatore” in epoca pre-euro, a dispositivo per “trattenere le polveri con filtri antiparticolato DPF” ai tempi di Euro II ed Euro III, fino a trasformarsi da Euro IV in poi in “marmitta intelligente” con la riduzione catalitica selettiva (SCR): all’interno della marmitta, mediante il dosaggio intelligente di liquido AdBlue che contiene ammoniaca, avviene una reazione chimica di idrolisi che trasforma gli ossidi di azoto, i famigerati NOx, in vapore acqueo e azoto. A quest’innovazione è stato aggiunto, in epoca Euro VI, un ulteriore filtro – ASC finale – che trattiene l’eventuale ammoniaca inutilizzata nella fase precedente.
Anche l’elettronica ha offerto un contributo prezioso a servizio dell’ambiente, accompagnando l’evoluzione del motore con software e centraline sempre più performanti, in grado di monitorare e gestire informazioni relative a materiali, liquidi e temperature. La gestione elettronica dei gas di scarico, fino ai veicoli Euro V integrata nella centralina motore, con le tecnologie Euro VI diventa un sistema indipendente.

Ecologia a bordo e non solo.
La sostenibilità non è un capitolo che riguarda solo consumi ed emissioni. E’ un valore che EvoBus Italia afferma in tutte le proprie scelte: lo dimostrano l’applicazione severissima e intransigente delle norme di smaltimento, il passaggio rapido dalle vernici a solvente a quelle all’acqua, l’introduzione nelle pavimentazioni degli autobus di colle ad acqua, che oggi rappresentano il 70% a tutto vantaggio per la salute dei manutentori, l’adozione per gli impianti di climatizzazione di fluidi refrigeranti sempre meno nocivi per l’ambiente, da R22 a R124a, senza tuttavia rinunciare mai alla sicurezza.

Da sempre “alternativi”
Il tema è fra i più attuali, tuttavia non vi sorprenderà sapere che l’attenzione alle trazioni alternative ci accompagna da 20 anni.
Quando nasceva EvoBus Italia, in Mercedes-Benz già si faceva ricerca sui primi veicoli a celle combustibili e anche la produzione di serie degli autobus urbani era destinata ad accogliere rapidamente veicoli a metano, ibridi (diesel ed elettrici), a biodiesel… già nel 2008, circolava il Citaro ad idrogeno.

Il futuro dell’evoluzione ecologica sembra indirizzato all’ulteriore riduzione dei consumi e delle emissioni, ma anche all’autoproduzione energetica a bordo.
Anche sulla strada dell’autobus “verde” EvoBus è destinata a viaggiare molti chilometri avanti, grazie alle grandi potenzialità del Gruppo Daimler in termini di ricerca e innovazione.

Grazie ai formatore Emanuele Cavallini per la collaborazione nella redazione di questo articolo.

Ti potrebbero interessare anche queste STORIES:

La rivoluzione elettronica
Vent’anni in marcia
Vent’anni di comfort
Vent’anni di assistenza solo bus
Vent’anni al top (Setra)
Vent’anni di Stelle Mercedes

Vent’anni di logistica
Vent’anni connessi
Vent’anni usati bene
Vent’anni di design in movimento
Una frenata lunga… 20 anni

 

Clicca per votare questo post!
[Total: 0 Average: 0]